La Gazzetta dello Sport

iSpeakItaliano – La Gazzetta dello Sport – Le preposizioni – 3 Aprile 2021

  Oggi è il 125° (cento venticinquesimo) compleanno della Gazzetta dello Sport, il famoso giornale italiano dal caratteristico colore rosa. Il 3 aprile del 1896 (mille ottocento novantasei) è infatti la data nascita del più importante quotidiano sportivo italiano.

  Alla fine del XIX (diciannovesimo) secolo i cittadini italiani iniziano seguire più attenzione lo sport e si appassionano in modo particolare di ciclismo. Questo nuovo amore le due ruote spinge il quotidiano milanese “Corriere della Sera” a creare nel 1893 (mille ottocento novanta tré) un nuovo settimanale chiamato “Il Ciclo”, per vendere più copie e provare a rubare lettori a “Il Secolo” che in quel periodo è il giornale più letto Milano.

  Nel 1894 (mille ottocento novanta quattro) “il Ciclo” diventa “la Bicicletta” e in soli tre anni raggiunge la tiratura di ben 25 000 (venticinquemila) copie che dimostrano il grande interesse della gente lo sport e sopratutto per il ciclismo, che quell’epoca rappresenta la disciplina sportiva più amata dagli italiani.

  Ovviamente inizia una sfida all’ultimo lettore la conquista del pubblico degli sportivi italiani. Nel 1895 (mille ottocento novanta cinque), infatti, “Il Secolo” crea “Il Ciclista” e affida la direzione del nuovo settimanale al giovane Eliso Rivera. I risultati però non convincono il proprietario del giornale che dopo pochi mesi invita Eugenio Camillo Costamagna a partecipare al progetto migliorare i risultati de “Il Ciclista”. Costamagna è un ottimo giornalista sportivo, direttore de “La Tripletta” Torino, un altro importante settimanale sul ciclismo.

  A questo punto Rivera e Costamagna decidono fondare una nuova gazzetta dedicata tutti gli sport e pubblicata due volte a settimana. Nasce così la nuova testata giornalistica “Gazzetta dello sport”. La sede della redazione è via Pasquirolo, nel cuore di Milano, proprio alle spalle del suo bellissimo Duomo, sotto lo sguardo della famosa Madonnina. E’ subito un grande successo e la prima tiratura è già di ventimila copie.

  Inizia in questo modo l’avventura questo importante quotidiano che diventa sempre più popolare e sempre più amato dai lettori italiani. Il 27 (ventisette) dicembre 1898 (mille ottocento novantotto) arriva l’annuncio della storica decisione cambiare il colore della carta su cui viene stampato. Il 2 gennaio 1899 (mille ottocento novanta nove), infatti, la “Gazzetta dello sport” cambia la sua pelle e diventa definitivamente rosa.

  Nel 1908 (mille novecento otto) il bisettimanale si trasforma in trisettimanale e viene pubblicato lunedì, mercoledì e venerdì. In questo stesso anno il giornale annuncia l’organizzazione del primo Giro d’Italia di ciclismo. Questo evento è destinato diventare una delle più importanti e popolari competizioni del mondo.

  La gara, infatti, si svolge ancora oggi e appassiona milioni sportivi in tutto il mondo. Il Giro d’Italia è diviso in tappe e ogni anno cambia il suo percorso attraversare tutta l’Italia. L’ultima tappa conduce i partecipanti fino al traguardo di Milano, dove il vincitore vestito di rosa viene festeggiato lungo le strade della città. La maglia rosa è infatti il simbolo della competizione e viene indossata dal ciclista che ha completato il percorso nel minor tempo. tutti gli sportivi italiani questo colore è ormai associato al giornale e al suo famoso Giro d’Italia.

  Nel secondo decennio del ‘900 (novecento) arriva purtroppo la Grande Guerra che tinge di nero la storia europea e non lascia molto spazio allo sport. Alla fine del conflitto, però, il rosa della Gazzetta torna a colorare la vita degli sportivi italiani. Il 15 (quindici) maggio 1919 (mille novecento diciannove) il giornale annuncia la decisione diventare quotidiano. Arriva quindi un’altra importante rivoluzione e dal lunedì successivo, il 19 (diciannove) maggio 1919 (mille novecento diciannove), sotto il titolo si legge la scritta “esce tutti i giorni”.

  Da quel lunedì la Gazzetta racconta ogni giorno lo sport a milioni di italiani ed è diventata uno dei quotidiani con più storia. Oggi è la terza testata per numero vendite ed è il più antico tra i giornali sportivi europei.

  Buon Compleanno Gazzetta







Soluzione

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.