La Festa della Musica

iSpeakItaliano – La Festa della Musica – 21 Giugno 2021

  Il 21 (ventuno) giugno è una data importante nel nostro calendario perchè è il giorno del solstizio d’estate e rappresenta l’inizio della stagione calda. Da alcuni anni, inoltre, in circa 120 (centoventi) nazioni del mondo, l’arrivo dell’estate è l’occasione celebrare anche la Festa della Musica, un grande evento globale cui tutte le persone del mondo sono invitate suonare e cantare in ogni luogo possibile festeggiare la nuova stagione e la magia della musica.

  Nel 1982 (mille novecento ottanta due) il Ministero della Cultura francese decide dare inizio questa nuova tradizione lo scopo di invogliare i francesi a prendere i loro strumenti musicali e suonare più spesso. L’idea dell’evento è Maurice Fleuret, un importante critico musicale che lavora per il governo francese come Direttore della musica e della Danza al Ministero della Cultura. Il 21 (ventuno) giugno 1982 (mille novecento ottanta due), quindi, la Francia celebra la sua prima Festa della Musica.

  Lo slogan della manifestazione è “La musica dappertutto, concerti in nessun luogo” e tutti i francesi sono invitati togliere la polvere dai loro strumenti musicali e suonare mezz’ora dalle 20,30 alle 21,00 ogni luogo pubblico di loro gradimento. La data scelta per la festa è molto simbolica perchè è il giorno più lungo dell’anno e rappresenta un momento passaggio molto importante sin dalle epoche più antiche della nostra civiltà.

  Il successo della festa è molto grande e supera i confini francesi nel 1985 (mille novecento ottanta cinque) occasione dell’Anno Europeo della Musica. Negli anni successivi molte nazioni aderiscono entusiaste all’idea e nel 1997 (mille novecento novanta sette) pubblicano insieme la Carta Europea della Festa della Musica in cui stabiliscono i principi condivisi tutti i paesi partecipanti. Il documento rappresenta il manifesto dell’evento e il suo scopo principale è quello promuovere gli scambi culturali tra i musicisti di tutta Europa.

  Dopo meno di dieci anni la Festa della Musica si celebra 85 (ottantacinque) paesi del mondo. Il successo cresce sempre più e nel 2020 (duemilaventi) le nazioni partecipanti sono più di 120 (centoventi) ma la manifestazione non perde il suo carattere popolare. Un evento internazionale che ogni paese interpreta e festeggia secondo la propria tradizione culturale.

  In Italia la Festa della Musica arriva all’inizio degli anni ’90 (novanta) ed aumenta sempre di più la sua popolarità il passare del tempo. Molte città promuovono l’idea e organizzano appuntamenti celebrare in modo gioioso la musica e l’estate. Nel 2016 (duemila sedici) il Ministero della Cultura inizia supportare ufficialmente la giornata e istituisce l’Associazione Italiana per la Promozione della Festa della musica.

  La manifestazione si svolge tutti i luoghi della vita quotidiana, persino in ospedali, carceri e quartieri difficili, proprio per sottolineare l’importanza della musica come strumento integrazione sociale, indispensabile per migliorare la qualità della vita e il benessere della nostra società.

  Nel 2021(duemila ventuno) l’Italia ha scelto il famosissimo musicista Edoardo Bennato come padrino dell’evento. Bennato e uno degli storici esponenti della scena rock italiana e per questa importante occasione si esibirà in un concerto Castello Sforzesco di Milano dove i posti a disposizione sono già tutti esauriti.

  Nel giorno più lungo dell’anno, quindi, le note di migliaia di musicisti salutano il solstizio d’estate e invadono le strade, le piazze, i parchi e ogni luogo rendere più gioioso ogni angolo del nostro Belpaese e tutte le nazioni del mondo.

  Buona Festa della Musica!







Soluzione

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.