Diabolik

                               

   Diabolik è un criminale, non un giustiziere.

– Angela Giussani  –

                 

Foto di Nicholas Gemini - Opera propria

  La XXa settimana della lingua Italiana nel mondo è ormai quasi alla fine ma il viaggio di iSpeakItaliano.it nel mondo del fumetto italico continua con un personaggio molto famoso e amato dai lettori e dagli appassionati di fumetti. Dopo aver fatto la conoscenza del ranger più famoso d’Italia, è il momento di incontrare un eroe oscuro, negativo, un vero antieroe.

  Oggi è il turno di Diabolik, il genio del crimine più inafferrabile di tutti, ricercato da tutte le polizie del mondo per i suoi innumerevoli crimini. Nessun poliziotto riesce ad arrestarlo ma ogni mese appare regolarmente sulle pagine del suo  fumetto da  quasi sessanta anni e in circa 880 ( ottocento ottanta) albi.

  Diabolik nasce nel 1962 ( mille novecento sessantadue ) grazie a una idea di Angela Giussani. Per molti anni Angela e sua sorella Luciana hanno dato vita a questo diabolico personaggio nelle sue tante avventure, per fortuna solo sulle loro splendide tavole, disegnate per realizzare il famoso fumetto pubblicato dalla casa editrice Astorina di Milano.

Chi è Diabolik ?

  Diabolik è un criminale, non ci sono dubbi, lo dice la sua stessa creatrice. E’ un ladro molto abile, sempre in cerca di nuovi colpi da realizzare, ma è anche uno spietato assassino e non esita mai ad uccidere le persone che vogliono fermare i suoi piani. Diabolik ruba soldi, gioielli, oggetti preziosi, oggetti d’arte e ogni cosa di valore. Le sue vittime sono sempre miliardari, banche o ricchi e pericolosi criminali, che lui deruba con più piacere perché il furto è solo una sfida alla sua bravura di ladro. 

Come nasce Diabolik ?

  Un bambino di un anno fa naufragio con la sua famiglia ed è l’unico sopravvissuto su una scialuppa di salvataggio in mezzo al mare. L’ imbarcazione si avvicina alle coste di un’isola sconosciuta e il piccolo viene soccorso in mare dai misteriosi abitanti del posto. Sono tutti fuorilegge. Il bambino è salvo ma entra nel regno di King, un vero genio del crimine che usa l’isola come rifugio per la sua banda internazionale di criminali. Il piccolo cresce insieme a King e dimostra subito grande intelligenza e grandi capacità.

  Da ragazzo impara tutte le lingue dei criminali, scopre le loro tecniche segrete e studia molte materie scientifiche. Diabolik diventa un abile chimico e inventa un materiale plastico per creare maschere perfette che gli permettono di prendere il posto di ogni persona. King vuole uccidere il ragazzo ed essere l’unico ad usare questo geniale sistema ma Diabolik scopre tutto e uccide King. Prende il suo posto con una maschera e ordina ai suoi uomini di mettere tutte le ricchezze su un motoscafo per fuggire.  Il giovane  viaggia in oriente e completa il suo addestramento per diventare un criminale. Si trasferisce nello stato di Clerville e inizia la sua lunga carriera di ladro, diventa Diabolik, il Re del Terrore

Eva Kant

Foto di Nicholas Gemini - Opera propria

  “In questi pochi istanti ho visto balenare nei tuoi meravigliosi occhi verdi la perfidia e la dolcezza”                                   –  Diabolik –        

  Queste sono le parole che Diabolik ha dedicato ad Eva Kant nell’albo L’arresto di Diabolik dell’anno 1963 (millenovecento sessantatré), in cui conosce per la prima volta la sua splendida compagna. In pochi istanti per Diabolik è subito chiaro che Eva è la donna della sua vita. 

  Lady Kant è bionda, ha gli occhi verdi, è bellissima, raffinata e misteriosa. Eva è una delle donne più belle del mondo ed entra nella vita di Diabolik come una vedova nera perché molti sospettano di lei per la misteriosa morte del marito Lord Anthony Kant, ambasciatore del Sudafrica. Nell’albo L’arresto di Diabolik”  Eva salva Diabolik dalla ghigliottina con grande freddezza e conquista un posto nel cuore di questo terribile criminale.

  All’inizio Eva si accontenta di un posto da spalla del Re del terrore, una complice di vita importante ma in secondo piano, mai alla pari con lui. Con il passare degli anni il suo personaggio cresce. Eva diventa autonoma e conquista la parità col suo compagno, la sua spietata e raffinata bellezza diventa spesso protagonista di storie dedicate solo a lei.

  Si può parlare di un vero colpo di fulmine fra questi due spietati criminali che diventano presto una coppia invincibile e inseparabile.  Eva Kant non è solo una fedele compagna di vita, è anche una abilissima complice e, soprattutto, l’unica donna in grado di tenere testa a Diabolik e condividere al suo fianco una fredda e spietata vita criminale insieme.

Sono fatti l’uno per l’altra!

Ginko

  Ginko è un ispettore di polizia ma è soprattutto la nemesi di Diabolik. Il personaggio nasce insieme a Diabolik nel primo numero del fumetto “Il Re del Terrore”. All’inizio è una sfida solo fra loro due, un poliziotto contro un ladro. Ginko è un ottimo ispettore, molto intelligente, coraggioso, forte e determinato, non ha paura di Diabolik e vuole arrestarlo. Non riesce a catturare il suo nemico solo perché deve rispettare la legge, Diabolik è invece un criminale che usa molti trucchi ed è disposto a tutto  per fuggire.

  A volte anche Ginko non rispetta la legge, ma solo quando è necessario a fare giustizia o a proteggere una persona più debole da pericolosi criminali. In qualche albo i due nemici sono addirittura alleati per battere avversari in comune. Ovviamente non diventano mai amici e, alla fine della storia,  tutto torna come prima. Diabolik rispetta molto Ginko come nemico e lo considera l’unico in grado di creare problemi a lui e ad Eva, perché è un duro e non si arrende mai.

   Nello stato di Clerville la pena di morte esiste solo per Diabolik. Il Re del terrore ha commesso troppi crimini per essere perdonato ed è l’unico criminale della nazione a rischiare la condanna alla ghigliottina. Le sue azioni sono assolutamente illegali ma Diabolik ha un codice etico personale. Non fa mai del male alle persone deboli o indifese, ha un suo senso dell’onore e rispetta amici e avversari alla sua altezza. Il suo obiettivo non è fare del male, ma riuscire nei suoi colpi. Odia mafiosi, trafficanti di droga e strozzini perché loro invece non hanno scrupoli e non hanno limiti.

  Diabolik è il Re del Terore ma è anche e soprattutto uno dei Re del Fumetto Italiano che in poco tempo  è diventato un fenomeno di massa. I sociologi e gli esperti di comunicazione studiano ancora il suo successo e cercano di capire l’ammirazione del pubblico per questo genere di “fumetti neri”.

 Il freddo Diabolik e la sua bellissima Eva hanno un fascino oscuro, misterioso ma indiscutibile. In questi decenni sono diventati una delle coppie criminali più famose e sono entrati nella nostra cultura popolare, per questo meritano di essere anche sulle pagine di iSpeakItaliano, ma  soprattutto perché è meglio non avere nemici come loro.

Non voglio nemici vivi.

Nessuno può mettersi contro di me. Contro me e Eva

– Diabolik –           

Mostra i commenti

Unisciti alla discussione

Una risposta a “Diabolik”

  1. Bernadette dice:

    Grazie mille per questo articolo meraviglioso, il contenuto è davvero interessante e il vocabolario è molto utile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.